Pooh - Noi due nel mondo e nell'anima / Nascerò con te

Noi due nel mondo e nell'anima / Nascerò con te
Lato B

Lato A e lato B della copertina.

Dati

  • Titolo = Noi due nel mondo e nell'anima / Nascerò con te
  • Data matrici = 21 aprile 1972
  • Versione = Singolo vinile 45 giri
  • Editore e codice = CBS 8054
  • Matrice lato A = CI 8054-1N
  • Matrice lato B = CI 8054-2N
  • Tipo audio = Stereo
  • Produttore = Giancarlo Lucariello
  • Arrangiamenti e direzione = Gianfranco Monaldi
  • La foto in copertina è stata scattata a Londra da Egizio Fabrici
  • Seconda edizione = CBS 8054
  • Versione juke-box = Noi due nel mondo e nell’anima / Sole che nasce, sole che muore (Marcella) CBS YD 307
  • Versione juke-box = Nascerò con te / Il tempo dell’amore (Marcella) CBS YD 310

Note sul singolo

È la prima uscita discografica senza Valerio Negrini, fondatore dei Pooh, nel gruppo e con al suo posto Stefano D’Orazio.
Il singolo, per decisione aziendale, non ha ne lato A ne lato B e non viene citata in copertina nessuna delle due canzoni presenti ma viene scelto di indicare solo il nome del gruppo.
La prima tiratura è stata pubblicata con una copertina apribile bianca con all’interno la foto del gruppo, andata subito esaurita e quindi ristampata in una seconda versione a busta con carta meno opaca della precedente.
È la prima pubblicazione a recare sotto il nome del gruppo anche i nomi dei componenti, Roby, Riccardo, Dody, Stefano (la “y” finale di Dody diventerà in seguito una “i” per non creare confusione con il nome Roby), rigorosamente in ordine di anzianità nel gruppo.

Formazione

  • Dodi Battaglia = voce e chitarre
  • Stefano D’Orazio = voce, batteria e percussioni
  • Roby Facchinetti = voce, tastiere e pianoforte
  • Riccardo Fogli = voce, basso

Noi due nel mondo e nell'anima

  • Testo: Valerio Negrini
  • Musica: Roby Facchinetti
  • Voce solista: Dodi Battaglia
  • Timing: 3:31 ca.

E io dovrei comprendere
se tu da un po' non mi vuoi
non avrei mai capito te
ma da capire cosa c'è?
Dovrei tornare a casa e poi
se il fiato ce la fa
parlarti del mio mondo fuori
dei miei pensieri
e poi scoprire
che vuoi dormire
che non mi senti più
E io dovrei
ma spiegami
contro di me che cos'hai?
Come se io
non fossi io
mi dici che te ne vai
Son quello che respira piano
per non svegliare te
che nel silenzio
fu felice di aspettare
che il tuo gioco
diventasse amore
che una donna diventassi tu
Noi due nel mondo e nell'anima
la verità siamo noi
Basta cosi e guardami!
Chi sono io tu lo sai!
Noi due nel mondo e nell'anima
(e io dovrei comprendere)
la verità siamo noi
Noi due nel mondo e nell'anima
(e io dovrei comprendere)
la verità siamo noi
Noi due nel mondo e nell'anima
la verità siamo noi

Note sulla canzone

Editore: Edizioni April Music / EMI Songs.
Inciso presso Milano Recording nei mesi di aprile-maggio 1972.
Sound Engineer: Gualtiero Berlenghini.
Ass. Sound Engineer: Franco Santamaria.
Supporti: nastro magnetico 16 piste.
Mixer Telefunken.

Di questa canzone fu realizzata una versione in lingua spagnola dal titolo Tu y yo en el mas alla.
La canzone è stata in seguito registrata da Riccardo Fogli nel suo album solista "A metà del viaggio" del 1991 (divenendo anche parte della sua setlist in concerto), oltre ad essere riarrangiata anche da Mina nel sul album Ridi pagliaccio del 1988 e dai Matia Bazar nell'album One1 Two2 Three3 Four4 del 2007.
La canzone è stata successivamente pubblicata su:

Orchestra Sinfonica della RAI Milano composta da 44 elementi.
La canzone orginale è in tonalità di DO minore.
Accordi: http://wikitesti.com/index.php/Noi_due_nel_mondo_e_nell%27anima

Commenti sulla canzone

Roby Facchinetti

“La riconoscibilità di questo brano è dovuta al suono del minimoog nell’introduzione. Sulla scia del clamoroso successo ottenuto da Tanta voglia di lei, però ha una struttura musicale più complessa. Lo composi fondendo momenti diversi. Gli ultimi ritocchi glieli diedi giocherellando al pianoforte negli uffici romani della CGD: stavo ingannando il tempo in attesa dell’arrivo di qualcuno”.

Egizio Fabrici

"Poco prima dell'incisione di Alessandra, i Pooh si trovarono ospiti del programma televisivo Saturday e dovendone registrare diverse puntate rimasero a Londra parecchi giorni. Fu proprio durante questo loro primo soggiorno londinese che cominciarono a sentir parlare di sintetizzatori, "strane tastiere elettroniche che emettevano dei suoni incredibili". Cominciò la caccia al signor Moog, l'ingegnere che aveva inventato lo straordinario congegno. Complici alcuni tecnici della CBS inglese, finalmente riuscirono a individuare il laboratorio del genio in una casupola delal periferia di Londra. Lì tra stupori e lusinghe convinsero il signor Moog a vendere loro uno dei prototipi di "Minimoog" su cui stava lavorando. Roby rimase tre giorni inchiodato davanti alla tastiera delle meraviglie, sotto la guida del paziente inventore e tornò in Italia con il "bottino" nascosto in un cappotto come un contrabbandiere. La "macchina della musica" entrò a far parte del sound Pooh e subito dopo l'uscita dell'album Alessandra fu battezzata in live nella straordinaria tourneé con i 40 professori dell'Orchestra della Scala di Milano, che toccò teatri storici come il Petruzzelli di Bari, il Sistina di Roma, il Mediterraneo di Napoli e il Lirico di Milano. Il Minimoog era diventato il 5° Pooh, solo che a Roby cominciava a servire almeno un'altra mano (se la fece crescere!):"

Valerio Negrini

“Al primo che gli chiederà ancora perchè smise di suonare, sospettiamo che il nostro poeta infilerà una penna nell'occhio preferito.
Egli però, con un fair-play per lui inconsueto, ci consente di pubblicare una tantum le seguenti versioni a scelta, rigorosamente false, di quella verità che sa solo lui.
(A) Era innamorato non corrisposto del produttore discografico.
(B) Aveva vinto la lotteria di Capodanno.
(C) Si era convertito all'Islam.
Vai con la macchina del tempo! Settantaquattro, tre, due. Frenata lunga, eccoci indietro ai tempi di Rivera e Mao Tse Tung, dello Scudo Crociato oltre il quaranta per cento. Indietro ben due anni prima che l'Italia bigotta si becchi un coccolone col referendum sul divorzio.
Sentite il nostro creativo cosa ci propone: Noi due nel mondo e nell'anima! La sua nuova testa da ex randagio trabocca di buoni propositi ma quella sua Lei ha sempre di più la faccia da piccola fiammiferaia.
E io dovrei comprendere se tu da un po' non mi vuoi. Ma perchè non la mette sotto con la macchina!
Come se io non fossi io mi dici che te ne vai! Lui ne uscirebbe più vivo, veniamo dal rock. Stasera è arrivato a trovare i suoi ex compagni di viaggio. Parla da solo.
Non avrei mai capito te, ma da capire cosa c'è?' C'è, ragazzo, che hanno fatto la cacca nel ventilatore. Qui in giro la paranoia politica comincia a fare il filo ai juke box, far successo è fascista, addio buoni Beatles! Gli indecisi scappano in India, altri chiudono il pianoforte e aprono lavanderie a gettone; noi col perdono di Krisna insistiamo con la nostra musica, mettici le parole.
Dovrei tornare a casa e poi, se il fiato ce la fa Le confidi i tuoi cocci e le tue stelle e lei sbadiglia come un cocker.
Facciamole un coro: E guardami: chi sono io tu lo sai! Queste sono le nostre foto dell'altro'anno e tu eri mitico come segue: capelli ossigenati gialli, abito damascato a fondo rosa tipo carta di caramella, in groppa a cavallo bianco lungo come un cavallo e alto come una motocicletta. E facevi ciao con la manina. È così che ci siamo fatti la macchina del tempo.
Noi due nel mondo e nell'anima, la verità siamo noi? Canzoni! Ritorniamo insieme al futuro e ne riparliamo."
(Le Guerre Poohike (7) - continua in Io e te per altri giorni)

Roby Facchinetti

“[sulla versione di Mina di Noi due nel mondo e nell'anima dei Pooh] Mi è venuta le pelle d'oca. Non so come ci sia arrivata, perché quello è un pezzo del nostro repertorio antico, dei primi anni Settanta. Sono felice perché ho scoperto che le si adatta benissimo e che attraverso la sua voce ne ha guadagnato in feeling, in magia. In una canzone Mina sa esaltare i pregi armonici e melodici in maniera ideale: come lei, credete, davvero non c'è nessun'altra."
(Tuttolibri, 5 novembre 1988).

Nascero' con te

  • Testo: Valerio Negrini
  • Musica: Roby Facchinetti
  • Voce solista: Riccardo Fogli
  • Timing: 4:28 ca.

C'è un respiro in più
stanotte
sei tu
io vivevo qui
nel buio
così
ma l'acqua buona mi bagnò
col suo respiro
e il primo sogno mi coprì
La prima volta
l'amore
proprio qui
in casa mia
senza quasi conoscerti
poi
domandarti chi sei
non lo so
nascerò
fra un minuto
con te
La prima volta
l'amore
proprio qui
in casa mia
senza quasi conoscerti
poi
domandarti chi sei
non lo so
nascerò
fra un minuto
con te
C'è un respiro in più
nell'alba
sei tu
sei nata qui
stanotte
così
ed ogni giorno nascerai
fra le mie braccia
e come l'acqua mi coprirai
La prima volta
l'amore
proprio qui
in casa mia
senza quasi conoscerti
poi
domandarti chi sei
non lo so
nascerò
fra un minuto
con te...

Note sulla canzone

Editore: Tiber s.r.l., Milano / Mascheroni Edizioni Musicali
Incisa presso Milano Recording nel mese di aprile del 1972.
Sound Engineer: Gualtiero Berlenghini.
Ass. Sound Engineer: Franco Santamaria.
Supporti: nastro magnetico 16 piste.
Mixer Telefunken.

Una versione riarrangiata compare nell'album solista Compagnia di Riccardo Fogli del 1982.
La canzone è stata successivamente pubblicata su:

Orchestra Sinfonica della RAI Milano composta da 44 elementi.
La canzone originale è in tonalità di SOL maggiore
Accordi: http://wikitesti.com/index.php/Nascer%C3%B2_con_te

Copertina dell'album "Compagnia" di Riccardo Fogli

Riccardo Fogli - Compagnia

Commenti sulla canzone

Roby Facchinetti

“È uno dei miei pezzi preferiti dell’album Alessandra. L’avevo pensato come un brano per sole voci, un po’ sulla falsariga di Because dei Beatles. Invece durante l’incisione Lucariello preferì aggiungerci anche la ritmica e l’orchestra”.

Pooh

“Nasce la prima figlia di Facchinetti (...ogni treno ha il primo vagone!!). Cosa fanno i Pooh, commossi e congratulanti? Battezzano l'album che stanno incidendo col nome della piccina, Alessandra e non paghi di ciò lo stesso giorno realizzano un brano che "casualmente" si intitola Nascerò con te... la sala d'incisione era diventata una nursery!!" (1993)

Note sul singolo

Foto dell'interno della copertina

Interno

Foto del vinile

Lato A    Lato B

Seconda edizione

Etichetta: CBS 8054
Formato: Vinile 45 giri
Pubblicazione: 1972
Tracce: Lato A "Noi due nel mondo e nell’anima" - Lato B "Nascerò con te"

Lato A

Spartiti di "Noi due nel mondo e nell'anima"

Spartito    Spartito

Spartito

Altre edizioni del SINGOLO

  • 1972 - Seconda edizione su vinile 45 giri, CBS 8054.
  • 1972 - Edizione promozionale per il jukebox su vinile 45 giri, CBS YD 307. Lato A "Noi due nel mondo e nell’anima" - Lato B "Sole che nasce, sole che muore" di Marcella.
  • 1972 - Edizione promozionale per il jukebox su vinile 45 giri, CBS YD 310. Lato A "Nascerò con te" - Lato B "Il tempo dell’amore verde" di Marcella.
  • 1972 - Edizione su vinile 45 giri per il Venezuela, CBS, CBS-1.227. Lato A "Nosotros Dos En El Mundo Y En El Alma (Noi Due Nel Mondo E Nell'Anima)" - Lato B "Volver A Nacer Contigo (Nascerò Con Te)".