Pooh - Notizie e novità del 2013 - Giugno

Dodi Battaglia al "Music Italy Show" a Bologna - Sabato 15.06.2013

Sabato 15 giugno Dodi Battaglia è stato ospite a Bologna della manifestazione "Music Italy Show", cui ha partecipato tenendo un incontro della durata di circa due ore.
Prima di eseguire alla chitarra alcuni esempi del suo repertorio di assoli, Battaglia ha parlato di sé e di come ha preso il via il suo lungo cammino nel mondo della musica, un cammino intrapreso all'età di cinque anni quando, dietro insistenti richieste, ricevette il suo primo strumento musicale: una fisarmonica. Vinta dal padre ad una lotteria organizzata dal gestore di un bar e ricevuta all'ora di pranzo, la sera era già in grado di suonarla, grazie al talento innato ed aiutato dal fatto di essere sempre stato a contatto con familiari musicisti.
Fu all'età di 13 anni che Battaglia scoprì la chitarra e gli si schiuse un intero nuovo mondo musicale, un mondo fatto di occasioni da prendere al volo e che lui sovente assimila ai treni "giusti" su cui occorre salire, ma di cui occorre essersi prima assicurati il biglietto: nel suo caso il "biglietto" è sato l'esercizio e l'impegno per prendere completa padronanza dello strumento.
Dodi ha proseguito parlando di Valerio Negrini nel suo racconto di come lo conobbe quando l'allora batterista dei Pooh si recò ai Dipendenti Comunali (un locale di Bologna) appositamente per ascoltarlo suonare. Ha dichiarato di avere con lui un debito di riconoscenza in quanto ebbe l'intuizione di vedere in lui l'uomo che sarebbe divenuto il più bravo chitarrista dei Pooh. Altrettanta riconoscenza ha detto di dovere a Roby Facchinetti, in quanto fu lui a spronarlo a studiare ed imparare, esortandolo con le parole «Tu diventerai un grande chitarrista!».
Battaglia nel corso degli anni ha cercato di sviluppare un suo stile.
Dodi si è dichiarato sbalordito dalla decisione di Stefano D'Orazio di lasciare il gruppo, questo perché era da sempre convinto che nessuno di loro avrebbe mai affrontato tale passo. Ma tale evento non ha fermato i Pooh, che da tre che erano rimasti hanno raddoppiato ed affrontato così nel 2011 il tour legato all'album "Dove comincia il sole".
Legandosi a tale aneddoto, Dodi si è esibito proponendoci la seconda parte, quella strumentale ovviamente, del brano "Dove comincia il sole".
Tornando all'argomento delle defezioni, Battaglia ha ricordato l'addio di Riccardo Fogli avvenuto nel 1973, addio che ha portato all'entrata nel gruppo di Red Canzian: «Ogni volta che c'è la fuoriuscita di una persona importante, che regge il gruppo, è proprio il gruppo che reagisce e prende in mano la propria vita con forza».
Ma tale anno segnò anche il passaggio per i Pooh dal suonare coadiuvati dall'orchestra, al potersi proporre come gruppo in grado di stare in piedi da solo e ciò avvenne grazie all'album "Parsifal", di cui ha proposto la seconda parte del brano che dà il nome all'LP.
Passando al tema delle collaborazioni, Dodi ha ricordato l'amico Guido Elmi, grazie al quale si è ritrovato a suonare delle basi strumentali per Vasco Rossi, in quanto suo produttore. Così ha citato "Una canzone per te", il cui arpeggio è stato eseguito con una Fender Stratocaster; "Toffee"; "Va bene così" provò anche a cantarla dietro invito di Maurizio Biancani, ma il risultato non fu dei più brillanti: come da lui stesso affermato, «Fred Bongusto al confronto era Mick Jagger!».
Sono seguiti l'assolo di "La mia donna", l'intro di "Amici x sempre", parte di "Viva", l'assolo di "L'altra donna".
Dodi ha rivelato d'essere un chitarrista con approccio da tastierista e per questo certi suoi passaggi risultano difficili. Ha portato l'esempio di "L'altra donna": nel comporre la base musicale con la chitarra, trovò un blocco creativo al termine della strofa "perché ognuno ha la sua vita, / e la mia non è con te". Per poter proseguire si sedette al piano e riuscì in tale modo a sviluppare il resto della composizione.
In merito a "D'Assolo", il suo secondo album da solista, Dodi ha raccontato che parte dei brani che contiene erano in realtà nati come regalo per gli amici, un sottofondo musicale da ascoltare insieme quando si ritrovavano. Fu Roby Facchinetti a spronarlo (ancora una volta) a farne un album strumentale. A tale proposito ha così eseguito "Primavera a New York".
Battaglia ci ha regalato l'ascolto di un inedito, "Buonanotte USA", dedicato alle due nipoti che vivono in America.
Tornando a "D'Assolo", prendendo spunto dal clima ormi estivo, il chitarrista ha eseguito un energico "Treno per il mare", con cui ha concluso l'esibizione ed è passato ad accogliere le domande del pubblico. Noi di iPooh.it abbiamo domandato quale sia il brano, sia in ambito Pooh che solista, che ritiene più rappresentativo del suo lavoro come compositore. Dodi ha risposto: «Nella mia maniera di esprimermi come artista sono chitarrista, sono compositore, sono cantante. Allora delle volte canto delle canzoni che non ricordo bene se le ho scritte io o le ha scritte qualchedun altro. Come compositore, ultimamente c'è un brano che mi piace molto ricordare perché anch'io, come tutti gli altri, guardo molto la televisione, e noi una decina d'anni fa abbiam fatto un disco dove c'era questo brano che si chiama "Padre a vent'anni" e in questo brano è raccontata la storia di uno dei nostri ragazzi in giro per il mondo, che fanno parte delle forze armate che proteggono l'altrui incolumità. E appunto è la storia di un militare che va in giro per il mondo e al di là che lo abbia scritto io, che abbia scritto la musica, è una delle canzoni che mi prende più ultimamente quando vedo i nostri militari che fanno sacrifici per fare il loro mestiere».
Una importante anticipazione fatta da Battaglia è quella che riguarda un concerto previsto per il prossimo 29 settembre: organizzato a scopo benefico per la ricostruzione dopo il sisma del 2012, avrà luogo a San Carlo Ferrarese e lo vedrà coinvolto insieme ad altri colleghi cantanti. L'annuncio ufficiale ci sarà martedì 18 su Il Resto del Carlino.
Una bella frase con cui Dodi ha concluso l'incontro: «La fatica non fa parte della passione».

    

    

    
Clicca sulle miniature per ingrandire